Feed RSS

Archivio dell'autore: Pinuccia Dattoli

Passi – Steps — tavolozza di vita

🌼Passi🌼 Dove poggiano i miei passi? Quale direzione accoglie il nostro andare? Confuso tra le rotte del mondo cerco luce ed inciampo in mille ombre Apri gli occhi non sognare soltanto ed osserva la luce sui tuoi passi 07.10.2018 Poetyca 🌼🌿🌼 🏵️#Poetycamente Steps Where rest my steps? Which direction welcomes our going? Confused between the […]

via Passi – Steps — tavolozza di vita

 

Preghiera in silenzio

PINUCCIA

AlberoPreghiera in silenzio

Ogni tanto ci ritroviamo,
o Signore,
Tu ed io, come ora.
Quando il tormento dell’anima
Mi sigilla le labbra
E le Tue parole non hanno suono,
Tu solo sai ascoltare
I gemiti del silenzio.
Signore,
insegnami il linguaggio senza parole,
perché talvolta ho bisogno di parlare,
ma invano cerco parole umane.
Il Tuo linguaggio del silenzio insegnami,
perché io possa parlare con Te
quando non trovo parole che spezzino
il silenzio terribile della mia anima.
Affinché possiamo capirci
Quando ci troviamo,
Signore,
Tu e io,
aiutami a parlare nel Tuo silenzio
senza parole.

View original post

La mia preghiera – My prayer – Sr. Macrina Wiederkehr — tavolozza di vita

🏵️La mia preghiera🌼 Oggi la mia preghiera consisteva semplicemente nel recarmi nel mio cuore e nel ricordare tutte le persone che ho conservato lì. Non è una cella frigorifera. È un posto abbastanza caldo e tenero. ~ Sr. Macrina Wiederkehr in Un albero pieno di angeli: vedere il santo nell’ordinario #pensierieparole 🌼🌿🌼 🏵️My prayer Today […]

via La mia preghiera – My prayer – Sr. Macrina Wiederkehr — tavolozza di vita

Preghiera- Padre dammi Gesù-

IMG-20180930-WA0012

 

Preghiera

PADRE DAMMI GESU’
Padre
dammi il dono più bello, più grande,
più prezioso che possiedi: Gesù
Quando sono ammalato, dammi Gesù
perché Egli è la Salute.
Quando mi sento triste, dammi Gesù
perché Egli è la Gioia.
Quando mi sento debole, dammi Gesù
perché Egli è la Forza.
Quando mi sento solo, dammi Gesù
perché Egli è l’Amico.
Quando mi sento legato, dammi Gesù
perché Egli è la Libertà.
Quando mi sento scoraggiato, dammi Gesù
perché Egli è la Vittoria.
Quando mi sento nelle tenebre, dammi Gesù
perché Egli è la Luce.
Quando mi sento peccatore, dammi Gesù
perché Egli è il Salvatore.
Quando ho bisogno d’amore, dammi Gesù
perché Egli è l’Amore.
Quando ho bisogno di pane, dammi Gesù
perché Egli è il Pane di Vita.
Quando ho bisogno di denaro, dammi Gesù
perché Egli è la ricchezza infinita.
Padre,
a qualsiasi mia richiesta
per qualsiasi mio bisogno
rispondi con una sola parola,
la tua parola eterna: Gesù!
Don Serafino Falvo –
Casa di preghiera “Gesù Amore” a Ellero (Firenze)

Amici — tavolozza di vita

Amici
“Ho amici che non sanno quanto sono miei amici.
Non percepiscono tutto l’amore che sento per loro né quanto siano necessari per me.
L’amicizia è un sentimento più nobile dell’amore. Questo fa sì che il suo oggetto si divida tra altri affetti, mentre l’amore è imprescindibile dalla gelosia, che non ammette rivalità.
Potrei sopportare, anche se non senza dolore, la morte di tutti i miei amori, ma impazzirei se morissero tutti i miei amici!
Anche quelli che non capiscono quanto siano miei amici e quanto la mia vita dipenda dalla loro esistenza…
Non cerco alcuni di loro, mi basta sapere che esistono. Questa semplice condizione mi incoraggia a proseguire la mia vita. Ma, proprio perché non li cerco con assiduità, non posso dir loro quanto io li ami. Loro non mi crederebbero.
Molti di loro, leggendo adesso questa “crônica” non sanno di essere inclusi nella sacra lista dei miei amici. Ma è delizioso che io sappia e senta che li amo, anche se non lo dichiaro e non li cerco.
E a volte, quando li cerco, noto che loro non hanno la benché minima nozione di quanto mi siano necessari, di quanto siano indispensabili al mio equilibrio vitale, perché loro fanno parte del mondo che io faticosamente ho costruito, e sono divenuti i pilastri del mio incanto per la vita.
Se uno di loro morisse io diventerei storto.
Se tutti morissero io crollerei.
E’ per questo che, a loro insaputa, io prego per la loro vita.
E mi vergogno perché questa mia preghiera è in fondo rivolta al mio proprio benessere. Essa è forse il frutto del mio egoismo.
A volte mi ritrovo a pensare intensamente a qualcuno di loro. Quando viaggio e sono di fronte a posti meravigliosi, mi cade una lacrima perché non sono con me a condividere quel piacere…
Se qualcosa mi consuma e mi invecchia è perché la furibonda ruota della vita non mi permette di avere sempre con me, mentre parlo, mentre cammino, vivendo, tutti i miei amici, e soprattutto quelli che solo sospettano o forse non sapranno mai che sono miei amici.
Un amico non si fa, si riconosce.
“Vinicius De Moraes♥ ♥ ♥

via Amici — tavolozza di vita

L’autunno di Fausto Corsetti

AUTUNNO-2018-3.jpg

Carissima Pinuccia,
eccoci di nuovo insieme. E’ trascorsa l’estate ed è dolce il ritrovarsi. Mi auguro che i giorni trascorsi abbiano donato riposo e serenità a te e a tutti i nostri amici.
Vi abbraccio tutti fraternamente, lasciando il mio piccolo dono:

VIENE L’AUTUNNO
di Fausto Corsetti
Settembre. L’estate sta finendo, diceva una canzone. E’ vero, ed ecco la voglia di mettere in fila i ricordi, di fare il consuntivo dei giorni goduti da poco e già tanto lontani. I posti visitati, la gente incontrata, le letture che ci hanno fatto compagnia. Le occasioni mancate, la stanchezza, le code sulla strada.
Si cercano in fondo alla memoria i fatti che ci hanno colpito in quei giorni, i volti visti in montagna o al mare, le notizie del mondo, i guai dell’economia. Ma la mente si ostina a rimandarci immagini sbiadite, sembra voler trattenere vivi solo i ricordi di sole, di mare, di monti, di verde, d’azzurro.
Tutto il resto è lontano, sfumato, attutito.
E’ passata l’estate e, anche se nessuno lo ammetterà mai, celatamente ognuno si era illuso che la stagione dei frutti e della luce non dovesse mai finire.
Ma… il Signore ha fatto bene ogni cosa. E anche il succedersi delle stagioni è cosa ben fatta. Non è vero che sarebbe bello se fosse sempre estate; chissà che noia, che monotonia. E che cosa succederebbe se non avessimo nient’altro da fare che far vacanza? E inoltre l’autunno che viene dopo l’estate è una parabola della nostra esistenza. L’autunno della vita è una stagione ricca, che tutti dovrebbero desiderare, se non altro perché se non si arriva all’autunno significa che la vita si è fermata a primavera.
Questi giorni di ripresa della vita ordinaria possono sembrare quasi ostili, magari appesantiti dalla nostalgia del sole. Ma la nostalgia non serve. E’ bella la nostalgia, è dolce. Ma la sua è la bellezza della sirena. Imprigiona il viaggiatore e interrompe il viaggio. Del resto – come si dice – la vita continua, e continua anche in mezzo ai morti. Se l’autunno parla un po’ di morte, è vero però che è garanzia di vita, come la morte è garanzia di vita.
“Se il seme caduto per terra non marcisce e non muore, non potrà dare frutto”. Ecco la splendida parabola dell’autunno. E’ la stagione in cui si semina il grano. Morirà – apparentemente – e marcirà e metterà fuori dei piccoli fili d’erba che sembreranno i fiori della sua tomba. Ma la stagione dei frutti – l’estate appunto – sarebbe poverissima senza questa morte.
Andiamo avanti, amici, stagione dietro stagione, anno per anno, vita dopo vita. Qualunque sia la stagione in cui ci troviamo è quella giusta. I frutti ci saranno e anche la dolcezza del Cielo e la speranza della Luce.

Preghiera

Questa sera condivido una preghiera allo Spirito Santo perché mi aiuti a mantenere libera la mia mente, dal tumulto di pensieri che si accavallano e mi distraggono dalla vero senso della mia vita. Signore perdonami se mi sono distratta a tal punto da dimenticarmi del nostro incontro. Ti chiedo umilmente perdono. Fa che domani possa essere un giorno migliore, perché Sei solo tu al centro del mio cuore ❤

spirito_santo.jpg

Preghiera allo Spirito Santo
Vieni Spirito Santo
Vieni, Spirito di sapienza: libera i nostri cuori dall’attaccamento al
male e insegnaci a cercare prima di tutto il Regno di Dio.
Vieni, Spirito d’intelletto: illumina la nostra mente€, distoglila da
pensieri e preoccupazioni vuoti e banali.
Vieni, Spirito di consiglio: rendici docili alla tua azione, sii nostro
maestro, dirigi le nostre scelte alla luce del Vangelo.
Vieni Spirito di fortezza: sostienici nella lotta contro il male dentro
e fuori di noi, consolaci nella prova, rendici testimoni del Risorto.
Vieni, Spirito di scienza: insegnaci a usare di tutte le cose
ricordando che sono dono di Dio, e a camminare con gioia verso
la casa del Padre.
Vieni, Spirito di pietà: ricordaci che siamo figli di Dio, aiutaci a
pregare ogni giorno e a sentirci parte della Chiesa.
Vieni, Spirito di santo timore: non permettere che cadiamo nella
tentazione, aiutaci a ricominciare da capo ogni giorno,
adorando solo il Signore.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: