Feed RSS

Archivi tag: pensieri

Andare a piedi o in bicicletta fa bene

biciclettata.gif

Andare a piedi o in bicicletta fa bene

Si tratta di uno di quei casi con vantaggi per tutti i soggetti
coinvolti. L’ambito è quello della mobilita sostenibile, ma non
riguarda le soluzioni come le auto elettriche o i mezzi pubblici. qui
si parla della forma più antica di mobilità sostenibile: camminare;
abbinata alle due ruote a pedali. Secondo le stime, ogni viaggio in
bicicletta o a piedi genera in media un risparmio di 130 grammi di
CA2 a chilometro; e un risparmio economico di 20 centesimi di
euro per chilometro percorso senza automobile. Tutto questo,
applicato su vasta scala, può esercitare un impatto non marginale
in senso ambientale (meno traffico, meno
inquinamento), economico (meno costi)
ma anche per quanto riguarda la qualità
della vita. Perché si è scoperto che andare
in bici o a piedi quando è possibile, riduce
lo stress e migliora la salute.

Da: “Avvenire”

Poesia di Olindo Guerrini

In bicicletta
Nel roseo lume della prima aurora,
nella vermiglia pace dei tramonti,
o nel meriggio che avvampando indora
la messe al pian e la vendemmia ai monti,
lungo la siepe che di salvie odora,
lungo i verdi sentier, le fresche fonti,
dove il guardo è intercluso e dove esplora
meravigliosi e liberi orizzonti;
presso il giardin ridente o il campo arato,
entro le selve sussurranti al vento,
tra il canto degli uccelli e i fior del prato,
sovra il ferreo corsier passo contento
come a novella gioventù rinato,
e sano e buono e libero mi sento.

La vita corre come un treno di Fausto Corsetti

Facilmente si accumulano cose, pensieri, esperienze, incontri, persino persone. Con facilità si prende e si lascia, si conosce e si dimentica, si incontra e si abbandona. Facilmente si volta pagina.
I nostri giorni, però, hanno suoni e colori che si ascoltano e si osservano in modo sempre speciale: sono diversi, non tutti hanno lo stesso valore, non tutti durano allo stesso modo.
Ci sono eventi che costringono a lasciare tutto, anche ciò che si custodiva con attenzione gelosa, e a ricominciare, a ripartire, a rifare tutto da capo.
Nulla nasce dal caso e ogni accadimento è richiamato da qualcosa che lo precede, allo stesso cmodo in cui l’onda spumeggiante che si avvolge sull’arena cristallina, il più innanzi possibile, è solo il risultato finale, ultimo, appunto, di una lunga serie di altre spinte, iniziate lontano, chissà dove, provocate da chissà quale remota e dimenticata causa.
Ad ascoltare, attentamente, anche dentro al ritmo profondo della vita interiore si affollano una infinità di suoni, emozioni, pensieri, ricordi che riemergendo di tanto in tanto, chiedono di essere meglio riconosciuti, fissati nella memoria, espressi in modo più consapevole, accolti con più chiara lucidità. Non si smarriscono. Riaffiorano come un richiamo, come un profumo che rende presente, inspiegabilmente, un lontano ricordo, un’emozione, un posto, una persona.
E così, nei momenti più impensati, non è difficile che accada di riuscire ad ascoltare e riconoscere emozioni vissute molto tempo addietro come se accadessero nel preciso istante in cui si è presenti in un oggi totalmente nuovo e diverso, persino lontano.
Tutto, comunque, conserva una verità e credibilità che cancella qualsiasi distanza, anche temporale, e si ha l’impressione di essere tornati in una realtà che pensavamo mai più recuperabile. Eppure ritorna, si fa presente.
Un tocco di musica in una via deserta che fluisce, improvvisa da una finestra sconosciuta, un leggero profumo, appena accennato, un suono, una voce, un volto sfuggente per strada, una foto ingiallita, un colore, un sapore ed è subito… un ricordo.
Magia dei ricordi: tutto ciò che non possiamo più tenere con noi stessi nell’oggi che ci è donato, comunque ci appartiene e abita spazi che niente e nessuno potrà mai strapparci. Tutto se ne può andare, ma tutto può restare dentro noi stessi.
Rimarrà tutto e soltanto ciò che sarà stato avvolto e custodito tra fasce di meraviglia e gratitudine. Resterà come una novità capace di riportare luce e voglia di vivere in tutto ciò che sarà stato accolto e non posseduto, lasciato e non smarrito, goduto e non dimenticato.
Già! La vita corre come un treno in corsa. Si evolve continuamente ma resta ancorata nei piccoli “ricchi” gesti che un giorno ricorderemo con le lacrime agli occhi!

Con l’affetto di sempre.
Fausto

Buon giorno

altre_caffe_fumante_animato_02

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ogni giorno al tuo risveglio pensa:
Oggi sono fortunato perché mi sono svegliato Sono vivo ho il dono prezioso della vita
Non lo sprecherò.
Userò tutte le mie energie per migliorare me stesso, per aprire il mio cuore agli altri, lavorerò per il loro beneficio.
Avrò solo pensieri gentili verso gli altri
non mi arrabbierò e non penserò male di nessuno.
Aiuterò gli altri il più possibile mettendo la mia vita al loro servizio.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: