Feed RSS

Archivi tag: Padre

Il tronco caduto


indiano-che-balla

Storie belle… per vivere meglio
Seduto su un tronco.
Siamo sicuri che Dio è con noi, sempre? Anche nell’ora della prova? Prediche e messaggi non fanno che tambureggiare in ogni modo il messaggio: Dio è sempre con noi, anche se non ce ne rendiamo conto. E nell’ora della prova ancora di più. Quando incontro persone sfiduciate e divenute piuttosto incredule, le invito a considerare: “Tu sei arrivato fino ad oggi, perché Dio ti è stato vicino, e magari ti ha portato anche in braccio. Se Dio non fosse stato con te, con il piccolo bagaglio di fede che ti ritrovi, dove saresti a quest’ora? Coraggio, allora; continua ad avere fede, perché Dio continuerà a sostenerti nella tua “insufficienza”, ma Egli non lavorerà al posto tuo. Tu devi fare la parte tua, anche di sofferenza!”.
C’è una bellissima leggenda della tribù degli indiani Cherokee a riguardo del “rito di passaggio”, cioè il rito per diventare adulti.
♦ Il padre porta il figlio nella foresta, gli mette una benda sugli occhi e lo lascia lì da solo.
Il giovane deve rimanere seduto su un tronco tutta la notte senza togliere la benda finché i raggi del sole non lo avvertono che è mattino.
♦ Non può e non deve chiedere aiuto a nessuno. Se sopravvive alla notte, senza andare a pezzi, sarà un UOMO.
♦ Non può raccontare della sua esperienza ai suoi amici o a nessun’altro perché ogni giovane deve diventare uomo da solo.
Il ragazzo è chiaramente terrorizzato … sente tanti rumori strani attorno a lui. Ci sono senz’altro bestie feroci che lo circondano. Forse anche degli uomini perversi che gli faranno del male.
♦ Il vento soffia forte tutta la notte e scuote il tronco su cui è seduto ma lui va avanti coraggiosamente, senza togliere la benda dagli occhi. In fondo, è l’unico modo per diventare uomo!
♥ Finalmente, dopo una notte terrificante, esce il sole e si toglie la benda dagli occhi.
Ed è così che si accorge che suo padre è seduto sul tronco a fianco a lui.
E’ stato di guardia tutta la notte proteggendo suo figlio da qualsiasi pericolo. Il padre era lì, anche se il figlio non lo sapeva.
♥ Anche noi non siamo mai soli. Nella notte più terrificante, nel buio più profondo, nella solitudine più completa, anche quando non ce ne rendiamo conto, Dio non ci abbandona mai, e fa la guardia … seduto sul tronco a fianco a noi.
Dal salmo 91
♥ Chi abita al riparo dell’Altissimo passerà la notte all’ombra dell’Onnipotente.
Io dico al Signore: «Mio rifugio e mia fortezza, mio Dio in cui confido».
– Resta con noi, Signore, nell’ora della prova!

Dal web

Per mio padre, condivisa da — tavolozza di vita

Mi manchi ….

via ★ cღPoeti amici ღ★ — tavolozza di vita

Preghiera per il terremoto

img_1367-e1472013770932

Terremoto centro Italia

In questi giorni di paura e sgomento, ci uniamo in preghiera con e per le popolazioni provate dal terremoto del centro Italia.

Padre,

noi crediamo in Te e nel tuo amore anche se la terra trema, e nostri cuori sono sconvolti dalla paura e dall’angoscia.
Resta con noi in questo tempo di fatica e di dolore.
Ci sentiamo smarriti, impotenti e tentati di cedere alla rassegnazione e al pessimismo.
Ridesta in noi la speranza e accresci la nostra fede davanti al mistero della vita e della morte.
Fa’ che le lacrime di coloro che hanno perso la casa e gli affetti più cari, si aprano all’abbandono fiducioso della tua provvidenza.
Dona loro la forza e il coraggio necessari per la ricostruzione.
Suscita in tutti noi, che assistiamo inermi alla forza distruttrice del terremoto in centro Italia, il desiderio di aiutare chi è nel bisogno.
Il tuo abbraccio di Padre raggiunga tutti i tuoi figli, che si sentono persi e scoraggiati.
Te lo chiediamo per Gesù Cristo tuo Figlio e nostro Signore.

Amen.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: