Feed RSS

Archivi tag: natura

PIOGGIA DI COLORI di Fausto Corsetti

luminoso.JPG
Carissima Pinuccia,
eccomi di nuovo a te, fra il calore e la simpatia di tutti i nostri amici. Lascio a tutti voi un ramoscello di luce nuova, suoni e colori che possano fluire nel cuore per cercare la pienezza con mani aperte e piedi in cammino. Come dopo un violento temporale…
Un abbraccio affettuoso
Fausto
PIOGGIA DI COLORI
di Fausto Corsetti
Osservo esterno, coinvolto, interpellato, richiesto quelle gocce, quelle acque, talora oscure e travolgenti, che hanno lavato e reso più leggibile la natura e le cose: riempiono gli spazi dell’esistere, spingono a cercare la definizione certa degli oggetti e, perfino, la verità delle relazioni e del vivere.
Dopo ogni intenso temporale, le cose sembrano assumere dimensioni e profondità assolutamente nuove, diverse, inedite. Appaiono, addirittura, più vicine, più pulite, più definite. Guardando un monte sembra di poterlo toccare con un facile gesto della mano, quasi si fosse fatto più favorevolmente tangibile. E si riescono a notare dettagli altrimenti confusi e assorbiti nella molteplicità degli elementi.
Anche i profumi, che distillano dalle foglie cristalline, dalle polveri impastate, si propongono con generosità di particolari e di intensità; segnano nella memoria più remota dettagli di riconoscimento e di riferimento indelebili nel tempo: torna ogni singolo elemento alla sua specifica ragion d’essere.
Dopo il temporale, dopo il tempo dell’attesa, nel calmo acquoso silenzio che avvolge di mistero il tempo che segue, si fa forte il desiderio di uscire, di andare, di ricominciare, di costruire cose e relazioni nuove, cominciando da sé. Un ramoscello di luce nuova, di colori mai visti, di incontri mai prima esplorati, diventa espressione di una novità che si nutre di quotidianità.
Sono i colori dell’ammirazione e della riconoscenza che fioriscono dallo stupore di scoprirsi sorpreso, anticipato, custodito. Sono i colori fragili della stupefacente ferialità che sorprende il cuore all’aurora e lo accompagna fino al tramonto. Sono i colori forti della vita e dell’amore che nessun buio riesce mai ad attenuare. Sono i colori decisi che accompagnano il passo di chi ama salire, verso l’alto, verso l’inedito: è la saggezza di chi conosce le lezioni nascoste in ogni foglia, in ogni roccia bagnata dalla pioggia.
Dopo il temporale torna la luce. Dopo la tempesta torna il sole. Nulla è più come prima. Nasce qualcosa di nuovo. Si ricomincia a uscire, a correre, a cercare, a incontrare, a raccontare e condividere. Il cielo si è allargato, la terra si è fatta più vicina , il cuore si muove alla ricerca di nuova forza, di nuovo alimento, di nuovi orizzonti.
Comincia da dentro la novità che si cerca fuori di sé. Inizia da sé stessi il nuovo atteso da altri. Luce mai vista annuncia il primo mattino, suoni mai uditi fluiscono nel cuore di chi cerca la pienezza con mani aperte e piedi in cammino.
Chi accende i colori dell’alba, conosce bene il sole. Chi spegne il giorno, conosce bene i nostri sogni. La luce che viene dopo l’ombra, racconta bene il nostro insaziabile desiderio di novità, di speranza, di Luce.

Annunci

Camminata

Ieri ho fatto un giro a piedi in campagna, ho percorso 4 km. Non è male per una che non si muove mai. Spero di farlo ancora. Condivido con voi queste foto. Un caro abbraccio a tutti.

MargheritaformicaApefarfallainsetto

Buona Serata

Farfalla“Tu sollevi la marea su di me ogni giorno ed insegni ai miei occhi a vedere”
Bob Dyland

Giovani o vecchi

il-tempo

Giovani o vecchi??

essere giovani non è questione d’età.
Non si diventa vecchi perché ci è piovuto addosso un certo
numero di anni, ma perché si sono abbandonati i propri ideali.
Gli anni solcano la pelle;
      Rinunciare al proprio ideale solca l’anima.
Giovane è colui che è capace di stupore e di meraviglia.
egli sfida gli avvenimenti e trova gioia nel gioco della vita.
            Voi siete giovani quanto lo è la vostra fede.
                    Siete vecchi come il vostro dubbio.
        Siete giovani come la vostra fiducia in voi stessi.
        Siete giovani com’è grande la vostra speranza.
         siete vecchi se cresce il vostro abbattimento.
Rimarrete giovani fin quando vi conserverete disponibili a
vibrare per ciò che è bello, buono e grande; di fronte 
ai messaggi della natura, dell’uomo, dell’infinito.

         (Douglas Mac’Arthur)

Dal giornalino della parrocchia di Codisotto  Luzzara

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: