Feed RSS

Archivi tag: cuore

Preghiera d’amore e dono per Gesù

cuore-mioO Gesù, Signore della mia vita,
abbi pietà di me peccatore!
Vengo a Te, mio Gesù, mio Dio e mio Tutto,
per dirti che Ti amo
e desidero amarTi del Tuo stesso amore.
Con il cuore contrito,
Ti esalto mio Dio,
perché Tu sei l’Onnipotente,
lo splendore,
la Vita e la mia unica gioia.
Ti adoro mio Dio con tutto il cuore
e imploro benedizioni per tutti i fratelli.
Ti benedico mio Signore
e supplico che i lontani tornino,
per Tua grazia, a Te!
Ti lodo, mio Re,
perché hai fatto belle tutte le cose
e mi hai benedetto con ogni benedizione!
A Te mi offro, mio grande e infinito amore,
per la conversione dei peccatori,
per la salvezza dei morenti,
per la protezione dei più piccoli
maltrattati e abbandonati,
per i peccati del mondo intero.
In Te con Te e per Te
voglio vivere, mio Dio,
voglio sperare,
voglio amare.
In Te confido e a Te mi affido,
mio grande ed infinito amore!

Da-Le figlie di Maria

 

Poesia-di Maria Stella Schilizzi-Anelito

 

luminoso.jpg

Anelito

Non per il tuo sorriso, è che ti amo,
non per la tua gioia o il tuo trionfo,
neanche per il tuo corpo e la tua fede
io ti amo.

Ti amo
per la lotta che hai nel cuore
e la tristezza che l’accompagna,
per il nemico che ti vive accanto
e per le tue sconfitte.
Per il tuo lamento oscuro.

Ti amo
per quel tuo divenire quotidiano,
che ti porta dove non sai
e neppure io so.

Ti amo per tutto
per questo tuo amore di tragedia
che ti accompagna a me
come un ruvido tronco
graffiato dall’unghia del tempo.

Pensiero Notturno:Chi è Gesù per me ! — Alla ricerca della vita vera

Pensiero Notturno:Chi è Gesù per me !
3 h fa

Per me Gesù è uno di noi, è un confidente, un amico che non ti abbandona mai, Lui c’è sempre per te ed è sempre disponibile.
Quando ti senti solo e non hai nessuno a cui rivolgerti, vai da Gesù, chi meglio di Lui conosce ciò che ti angoscia e ti tortura l’anima? Lui per primo ha sofferto per non lasciarti solo, Lui per primo ha portato la Sua e la nostra croce per salvarci e per dirci :- Coraggio io sono con te, non ti lascerò mai solo, ne mai mi dimenticherò di te ,io sono qui e aspetto che tu mi chiami per venirti incontro ad aiutarti e a consolarti, perché tu sei prezioso per me più dell’oro fino. Io ti conosco prima ancora che tu nascesti e già da allora Io ti ho amato e ti amerò per sempre, quindi non avere paura a venire da me io sono qui davanti al Tabernacolo che ti aspetto, donami il tuo cuore ed io ti donerò il Mio colmo del mio Amore per te!
In questi momenti dobbiamo ricordarci che non apparteniamo a noi stessi, perché siamo stati comprati a caro prezzo con il sangue dell’Agnello durante la sua Passione ; ma Gesù sulla croce non ci ricorda solo che è morto per noi, infatti attraverso di essa Lui ha sconfitto la morte, ci ha liberati dal pungiglione dei nostri peccati ed è tornato a noi vittorioso con la Sua risurrezione.
Se stiamo aggrappati a Lui e abbracciamo la nostra croce accanto alla Sua noi verremo non solo purificati dei nostri peccati , ma verremo perfezionati e limati dai nostri difetti, affinchè possiamo ritenerci degni di essere Figli di Dio e come tali di poter fare parte del Regno dei cieli.
Preghiera
Mio Caro e dolcissimo Amico Gesù,
mi rivolgo a te, perché non ho nessuno
che mi possa ascoltare ed aiutare.
Tu solo conosci i miei pensieri,
tu solo mi scruti dal profondo e sai cosa è meglio per me.
Perciò io misero peccatore, mi rivolgo a te con il cuore in mano,
ti supplico ascolta la mia preghiera, donami la forza di affrontare
le difficoltà del momento; sostienimi mentre cerco di convivere con la mia croce.
In questo momento ho bisogno di te,
e perciò pongo sulle tue mani per intercessione della Beata Vergine Maria,
le mie tribolazioni.
Signore Gesù, io Confido in te,
non permettere che mi allontani da te,
rendimi docile alla Volontà divina.
per questo io ti prego.
Amen
firmato Raffaella

via Pensiero Notturno:Chi è Gesù per me ! — Alla ricerca della vita vera

Buona notte con una preghiera

E’ bello cantare per il Signore ❤ ❤ ❤ ❤

Dal cielo scende la benedizione. Riempie il cuore e mi ristora l’anima. E’ bello averti qui, Signor Gesù. La mia speranza sei solo tu.
Alzo gli occhi al cielo e so che tu sei la, alzo le mie mani e tocco la realtà io ti adorerò in spirito e verità per l’eternità.
Alzo gli occhi al cielo e so che tu sei la, alzo le mie mani e tocco la realtà io ti adorerò in spirito e verità per l’eternità.
Dal cielo scende la benedizione. La coppa mia trabocca di olio santo, la mia preghiera giunge a Te Signore prostrandomi ai tuoi piedi adorerò.
Alzo gli occhi al cielo e so che tu sei la, alzo le mie mani e tocco la realtà io ti adorerò in spirito e verità per l’eternità.
Alzo gli occhi al cielo e so che tu sei la, alzo le mie mani e tocco la realtà io ti adorerò in spirito e verità per l’eternità, per l’eternità, per l’eternità, per l’eternità.

Buon Natale e felice anno nuovo

Amici e amiche  tutti del web vi lascio i miei migliori auguri di un S. Natale pieno di luce ed amore e tanta serenità nel cuore, ❤ ed auguro a voi tutti un felice e sereno anno nuovo.

labero-delle-feste
Dio sa
Quando sei stanco e scoraggiato per gli sforzi che non hanno dato frutti
Dio sa quanto hai tentato
Quando hai pianto per lungo tempo, con il cuore pieno di angoscia,
Egli ha contato le tue lacrime
Se senti che la tua vita è perduta e che hai gettato tanto tempo,
Egli ti conforta
Quando ti senti solo e i tuoi amici sono troppo occupati anche per una semplice telefonata,
Egli ti è vicino
Quando hai un obiettivo da realizzare e un sogno da seguire,
Egli apre i tuoi occhi e ti chiama per nome
Quando senti di aver tentato di tutto e non sai come ricominciare,
Egli ha la soluzione
Quando più nulla ha un senso e ti senti frustrato e depresso,
Egli cerca di mostrarti le risposte
Se, all’improvviso, tutto ti sembra brillare e scopri una luce di speranza, in quel momento
Egli ha sussurrato alle tue orecchie.
Quando le cose vanno bene e senti di avere molto per cui ringraziare
Egli festeggia con te
Quando nel cuore hai molta gioia e ti senti fortificato
Egli sorride per te
Ricorda che ovunque sarai, sia nella tristezza che nella felicità, anche se nessuno lo sa
Dio sa
Il testo è tratto dal Web

Buona notte con preghiera

Cuore-1.jpg

SETTE PREZIOSI SUGGERIMENTI
DI MADRE TERESA di CALCUTTA

L’uomo è spesso irragionevole, illogico egocentrico:
Non importa, amalo.
Se fai il bene, ti diranno che lo fai per secondi fini egoistici:
Non importa, fa’ il bene.
Se realizzi i tuoi obbiettivi, incontrerai chi ti ostacola:
Non importa, realizza.
Il bene che fai forse domani sarà dimenticato:
Non importa, fa’ il bene.
L’onestà e la sincerità ti rendono vulnerabile:
Non importa, sii onesto e sincero.
Quello che hai aiutato non te ne sarà grato:
Non importa, aiutalo.
Dai al mondo il meglio di te, e forse sarai preso a pedate:
Non importa, dai il meglio di te.

Il Bambù

bambu.jpg
Bruno Ferrero

Il bambù
In un magnifico giardino cresceva un bambù dal nobile aspetto. Il Signore
del giardino lo amava più di tutti gli altri alberi. Anno dopo anno, il
bambù cresceva e si faceva robusto e bello. Perché il bambù sapeva bene
che il Signore lo amava e ne era felice.
Un giorno, il Signore si avvicinò al suo amato albero e gli disse: “Caro
bambù, ho bisogno di te”.
Il magnifico albero sentì che era venuto il momento per cui era stato
creato e disse, con grande gioia: “Signore, sono pronto. Fa’ di me l’uso
che vuoi”.
La voce del Signore era grave: “Per usarti devo abbatterti! ”
Il bambù si spaventò: “Abbattermi, Signore? Io, il più bello degli alberi
del tuo giardino? No, per favore, no! Usami per la tua gioia, Signore, ma
per favore, non abbattermi”.
“Mio caro, bambù”, continuò il Signore, “se non posso abbatterti, non
posso usarti”.
Il giardino piombò in un profondo silenzio. Anche il vento smise di
soffiare. Lentamente il bambù chinò la sua magnifica chioma e sussurrò:
“Signore, se non puoi usarmi senza abbattermi, abbattimi”.
“Mio caro bambù”, disse ancora il Signore, “non solo devo abbatterti, ma
anche tagliarti i rami e le foglie”.
“Mio Signore, abbi pietà. Distruggi la mia bellezza, ma lasciami i rami e
le foglie! ”.
Il sole nascose il suo volto, una farfalla inorridita volò via. Tremando,
il bambù disse fiocamente: “Signore, tagliali”.
“Mio caro bambù, devo farti ancora di più. Devo spaccarti in due e
strapparti il cuore. Se non posso fare questo, non posso usarti”.
Il bambù si chinò fino a terra e mormorò: “Signore, spacca e strappa”.
Così il Signore del giardino abbatté il bambù, tagliò i rami e le foglie,
lo spaccò in due e gli estirpò il cuore. Poi lo portò dove sgorgava una
fonte di acqua fresca, vicino ai suoi campi che soffrivano per la siccità.
Delicatamente collegò alla sorgente una estremità dell’amato bambù e
diresse l’altra verso i campi inariditi.
La chiara, fresca, dolce acqua prese a scorrere nel corpo del bambù e
raggiunse i campi. Fu piantato il riso e il raccolto fu ottimo.
Così il bambù divenne una grande benedizione, anche se era stato abbattuto
e distrutto.
Quando era un albero stupendo, viveva solo per se stesso e si specchiava
nella propria bellezza. Stroncato, ferito e sfigurato era diventato un
canale, che il Signore usava per rendere fecondo il suo regno.
Noi la chiamiamo “sofferenza”. Dio la chiama “ho bisogno di te”.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: