Feed RSS

Archivi tag: Anima

Buon pomeriggio

Inserito il

natura-farfalle
MI PIACI SILENZIOSA
Mi piaci silenziosa, perché sei come assente
mi senti da lontano e la mia voce non ti tocca.
Par quasi che i tuoi occhi siano volati via
ed è come se un bacio ti chiudesse la bocca.
Tutte le cose sono colme della mia anima
e tu da loro emergi, colma d’anima mia.
Farfalla di sogno, assomigli alla mia anima
ed assomigli alla parola malinconia.
Mi piaci silenziosa, quando sembri distante.
E sembri lamentarti, tubante farfalla.
E mi senti da lontano e la mia voce non ti arriva:
lascia che il tuo silenzio sia il mio silenzio stesso.
Lascia che il tuo silenzio sia anche il mio parlarti,
lucido come fiamma, semplice come anello.
Tu sei come la notte, taciturna e stellata.
Di stella è il tuo silenzio, così lontano e semplice.
Mi piaci silenziosa perché sei come assente.
Distante e dolorosa come se fossi morta.
Basta allora un sorriso, una parola basta.
E sono lieto, lieto che questo non sia vero.
Pablo NERUDA

Buona giornata

Inserito il

Saremo giudicati sull’amore.
Buona settimana.
A Dio piace di più un’azione, per quanto piccola, fatta di nascosto e senza il desiderio che sia conosciuta, che mille altre compiute con il desiderio che siano vedute dagli uomini. Infatti a colui che agisce per Dio con purissimo amore, non solo non importa di essere veduto dagli uomini, ma non agisce neppure per essere veduto da Dio; anzi se questi non dovesse saperlo, l’anima non cesserebbe di rendere a Lui gli stessi servizi con la stessa allegrezza e con la stessa purezza di amore.
Alla sera della vita, saremo giudicati sull’amore.
Ricordati che Dio regna solo nell’anima pacifica e disinteressata.

da Facebook Don Peppino Labanca

Buone vacanze!

Inserito il

Auguro a tutti voi, che passate nel mio blog, delle belle vacanze: Amici ci ritroviamo a settembre,

un abbraccio a tutti ❤ Vi lascio una preghiera. Mi piace molto e la condivido volentieri con tutti voi … a presto

Buone-vacanze

<< Si Padre! >>

<< padre mio
io mi abbandono a Te.
Fa’ di me
ciò che ti piace.
Qualunque cosa
Tu faccia di me
Ti ringrazio.
Sono pronto a tutto
accetto tutto
purchè la tua volontà
si compia in me
e in tutte le tue creature.
Io non desidero altro
mio Dio.
Depongo la mia anima
nelle tue mani.
Te la dono
mio Dio
con tutto l’amore
del mio cuore
perchè ti amo.
Ed è per me
un’esigenza di amore
il darmi
il rimettermi
nelle tue mani
senza misura
con una confidenza
infinita
poichè Tu
sei il padre mio >>.

(Preghiera di P. C. De Foucauld)

L’anima l’uomo e la Vita

Inserito il

 

L’anima, l’uomo e la vita
Sarai con me,
anche quando la musica non intonerà la tua canzone;
Sarai con me,
anche quando il buio di un cielo senza stelle sovrasterà il tuo respiro;
Sarai con me,
anche quando i tuoi fiori reclineranno il capo alla siccità del tempo;
Io sono la vita.

Sarò con te,
anche quando la dura terra non mi concederà raccolto;
Sarò con te,
anche quando il grande mare ingoierà i miei sogni;
Sarò con te,
anche quanto il tuo albero non mi concederà frutto;
Io sono l’uomo.

Sarò con te,
anche quando il dolore lambirà il tuo cuore;
Sarò con te,
anche quando con te non vorrei essere;
Sarò con te,
anche quando avrò ali per andare.
Io sono l’anima.
Sarò con te, laddove sentissi d’essere. Vola libera la colomba del mio cuore tra le tue mani.

Disse l’anima alla vita. E la vita contrariata da questa sua affermazione, rispose:
Anima chiudi le tue ali e plana morbida nel cuore di quest’uomo, che osserva come incantato il tuo ipotetico volo, non è ancora giunto il tempo di volare. Io non ho catene per trattenerti, ma rispetta la volontà divina nel completare il tuo viaggio, perché tu altro non sei che l’espressione di quella volontà.
L’uomo assisteva silenzioso al dialogo che

…scorreva fluido tra la vita e l’anima, mentre ammirava estatico la magnifica luce dell’anima.

Vita, cosa puoi offrire a quest’anima, sai che non mi nutro dei tuoi frutti, desidero solo fare ritorno nel mare delle anime, dove molteplici emozioni e amore infinito mi attendono.

L’uomo continuava ad ascoltare quel dialogo senza mai prendere una posizione, come se l’argomento lo riguardasse molto da lontano. Non aveva ancora capito, che l’anima aveva maturato la decisione di volare via, e che con il suo volo la sua vita si sarebbe spenta.

Anima, ti prego non andare senza di te, lui morirà!

Disse la vita implorandola. Per un attimo gli occhi lucenti dell’anima sfiorarono l’uomo, che era seduto proprio al suo fianco, e nel cogliere la sua estatica espressione e la sua sempre rigida posizione, disse:

Uomo non guardare alla mia luce, rivolgi invece il tuo vedere laddove la grande luce dimora, guarda al mare delle anime, dove io mi appresto a volare.
Addio il nostro viaggio è stato breve ma intenso.

Detto ciò incominciò a muovere le ali nel sollevarsi. La vita piangeva disperata, sollevando al cielo quel fiore appena sbocciato, che nello stesso istante in cui l’anima iniziò il suo volo prese ad appassire

…Ti prego non andare.

Disse di nuovo la vita.

Ma l’anima era ormai sorda alla voce della vita che non possedeva più catene in grado di fermala, fu in quel preciso momento che l’uomo si risvegliò da quello strano incanto indotto dalla luce della sua anima, e alzandosi di scatto bloccò l’anima in uno stretto abbraccio.
L’anima prese a divincolarsi da quella stretta, ma l’uomo non allentò la presa.
La vita si asciugò le lacrime con grande sollievo, e sfoderando il suo più radioso sorriso disse:

Uomo il tuo guardare estatico alla tua luce, aveva fatto disinnamorare la tua anima alla vita.

L’uomo allora allentò la stretta all’anima e prese ad accarezzarla con amore, tanto che l’anima nel sentirsi pervadere da tanta intensa energia, lo guardò ancora una volta negli occhi e con grande meraviglia, riconobbe nella sua profonda natura un grande ed immenso mare d’amore.

L’anima non riuscì ad interrompere più il dialogo d’amore iniziato con l’uomo, decidendo di restare a nuotare in quel mare d’amore per sempre. L’uomo capì che l’estatica osservazione della propria luce, lo avrebbe portato alla morte e non alla vera vita e che la sua prima missione era nell’amore, prima verso se stesso, perché solo chi possiede può poi generosamente distribuire.

L’anima e l’uomo ripresero il loro cammino, una nel cuore dell’altro, e la vita vide illuminarsi di grande luce quel fiore meraviglioso che aveva tra le mani. La vita è amore.

Autrice Cleonice Parisi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: