Feed RSS

Archivi del mese: novembre 2018

L’abito non fa il monaco

Varanasi-nei-pressi-del-Dasaswamedh-Ghat.-Mendicante-elegante.-300x225
AUTORE: BRUNO FERRERO – LIBRO: SOLO IL VENTO LO SA – EDITORE: ELLEDICI

 

C’era una volta un bramino buono e pio che viveva con le elemosine che i fedeli gli regalavano. Un giorno pensò: “Andrò a chiedere l’elemosina vestito come un povero intoccabile”.

Così mise uno straccio intorno ai fianchi, come fanno i paria, i più poveri dell’India.

Quel giorno nessuno lo salutò, nessuno gli diede l’elemosina.

Andò al mercato, andò al tempio, ma nessuno gli rivolgeva la parola.

La volta successiva il bramino si vestì secondo la sua casta: si mise un bel vestito bianco, un turbante di seta e una giacchetta ricamata. La gente lo salutava e gli dava denaro per lui e per il tempio.

Quando tornò a casa, il bramino si tolse gli abiti, li posò su una sedia e si inchinò profondamente. Poi disse: “Oh! Fortunati voi, vestiti! Fortunati! Sulla terra ciò che è certamente più onorato è il vestito, non l’essere umano che vi è sotto”.

 

Perché‚ badiamo ai vestiti e non alle persone? Crediamo alle cravatte e non alle idee e spesso i giovani sposano un abbigliamento, non una persona…

Un circo fermo in uno spiazzo alla periferia del paese, durante la rappresentazione, prese fuoco. Il clown, già abbigliato per lo spettacolo, corse a cercare aiuto. Arrivò affannato nella piazza del villaggio e prese a supplicare i paesani: “Correte presto! Il circo sta bruciando !”.

Ma la gente prese le grida del pagliaccio come spettacolo, per cui lo applaudiva, ridendo fino alle lacrime.

“Se non lo fermiamo subito, il fuoco attaccherà i campi di grano maturo e arriverà al paese!”, gridava il clown e tentava inutilmente di scongiurare gli uomini ad andare, spiegando che non si trattava affatto di una finzione, di un trucco, ma di un’amara realtà.

Il suo pianto intensificava le risate: “Bravo!”, esclamavano. “Sei un vero attore!”.

Così il fuoco avanzò tranquillamente: divorò il circo e tutte le case del villaggio.

 

Il mondo oggi

il-mondo-oggi.gif

Notizie catastrofiche
ci sovrastano ormai.
Ma cosa sta succedendo
in questo mondo?
Basta aprire un giornale,
radio, telegiornale,
orrende notizie si
accavallano una all’altra,
lasciandoci l’animo
disgustato.
Femminicidio, sofferenze,
uomini o donne
Che uccidono figli,
disastri ecologici.
Ma dove stiamo
andando?
Dove corriamo
Come forsennati!
Stiamo andando
alla deriva, verso
L’abisso senza fine.
Fermiamoci a riflettere,
domani da Dio
saremo giudicati.
Il colpevole sono io,
forse siamo tutti noi.
Restiamo sulla strada
della verità,
con amore ed umiltà,
E il Signore ci perdonerà.

Pinuccia Dattoli

Sei bella- poesia

donna1.gif

Sei bella.
E non per quel filo di trucco.
Sei bella per quanta vita ti è passata addosso,
per i sogni che hai dentro
e che non conosco.
Bella per tutte le volte che toccava a te,
ma avanti il prossimo.
Per le parole spese invano
e per quelle cercate lontano.
Per ogni lacrima scesa
e per quelle nascoste di notte
al chiaro di luna complice.
Per il sorriso che provi,
le attenzioni che non trovi,
per le emozioni che senti
e la speranza che inventi.
Sei bella semplicemente,
come un fiore raccolto in fretta,
come un dono inaspettato,
come uno sguardo rubato
o un abbraccio sentito.
Sei bella
e non importa che il mondo sappia,
sei bella davvero,
ma solo per chi ti sa guardare.

Alda Merini

La piena del Po

Sono stata a vedere il livello del fiume Po, si sta alzando.  Ho fatto delle fotografie che condivido con tutti voi.

 

Preghiera-la speranza

IMG-20180930-WA0012

La speranza
Signore Gesù,
Quante volte la nostra fede
È in balia dei venti.
Entusiasta quando va tutto bene,
Scettica nelle difficoltà.
Eppure la fede vera sa andare oltre,
e scoprire sempre la via
della speranza.
Insegnarci a fidarci della tua parola,
A credere nella tua presenza,
Per poter scoprire anche nelle piccole
Cose difficili o dolorose, la tua fedele
E amorosa presenza.
Amen

Dal web

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: