Feed RSS

Fotografie

Inserito il

bolla di sapone

bolla 1

ragno 1

Bolla di sapone 3

Annunci

Informazioni su pinuccia513

Sono una donna di sessantacinque anni, mi piace il computer ci passo il mio tempo libero. Condivido con gli amici, le mie foto, le mie gif animate i miei viaggi in camper, le poesie e le preghiere che trovo su internet. Accetto commenti solo da siti seri!

»

  1. Buona sera Pinuccia ! 🙂
    Bellissime imaggini ! 🙂
    Buon Weekend ! 🙂

    Tante belle cose ! 🙂
    Aliosa 🙂

    Rispondi
  2. Che belle….tranne quella con il ragno….brrrrrr 😛

    Rispondi
  3. Splendide immagini cara Pinuccia. Tuoi scatti? le Bolle di sapone sono affascinanti sempre. Qui immortalate su queste piante che mi par di conoscere e di cui ahimè non ricordo il nome, sono molto belle. Un abbraccio. Isabella

    Rispondi
    • LI ho da un po’ in giardino, Un vicino mi aveva regalato delle piantine, il nome non lo conosco neanche io. Le bolle mi piace fotografarle, perché riflettono all’interno il paesaggio circostante. Ti ringrazio del commento Isabella. Un grande abbraccio buona serata ❤

      Rispondi
      • Bella spiegazione circa le bolle mia cara. Grazie e buonanotte. Isabella

      • Il fascino etereo delle bolle di sapone…

        Specchio evanescente della nostra natura, del nostro essere …

        FRAGILI

        di Fausto Corsetti

        “Lo consideravo il mio migliore amico. Avevo bisogno e non si è fatto trovare. Mi aveva detto che saremmo stati di aiuto l’uno all’altro. E invece se n’è andato con la mia amica”.
        “Avevo un lavoro che mi piaceva e mi gratificava. Mi hanno trasferito”.
        “Mio figlio frequentava l’università e ogni esame era un trenta. Improvvisamente ha deciso di smettere”.
        “Era la gioia della mia vita, lavoravo come un matto per costruire la vita insieme con lei. Si è messa con un uomo sposato”.
        “Gli mancavano alcuni mesi per la pensione. Un tumore se l’è portato via in pochi giorni”.
        Giornate perdute nel niente, ore affogate nella noia, interessi meschini e banali, affanni e lotte per cose senza domani…
        La capacità di capire e accettare le situazioni che la vita ci presenta può essere veramente difficile, ed è in fondo un percorso che non termina mai. Siamo abituati a correre, ad inseguire gli obiettivi che ci siamo posti, e a non fare pause mentre siamo intenti a raggiungerli. C’è poco spazio per riflettere su ciò che accade, con il risultato che possiamo incontrare amarezza e tristezza.
        Un’immagine che mi accompagna è quella della natura, in cui, a mio parere, in qualche modo possiamo veder riflessa la nostra esperienza, e davanti alla quale possiamo trovare un po’ di quella pace tanto cercata. Perciò nella gioia penso al sole, i bambini mi ricordano i fiori, e così via. Anche il dolore trova posto in questa corrispondenza: quando penso al dolore, penso al vento. Non si può sapere di preciso da dove provenga l’aria che ci colpisce, né sappiamo dove andrà a finire. Tutti, da bambini, ce lo siamo chiesto almeno una volta, così come di fronte al dolore ci poniamo tutti le stesse domande: chi ha voluto la morte di una persona cara? Dov’è adesso? Ha un senso la mia sofferenza?
        Una cosa è certa: quando il vento è davvero forte, al punto da piegare o sradicare gli alberi delle nostre certezze e dei nostri progetti, non si può riprendere la vita del giorno precedente, si avverte che qualcosa è cambiato in profondità e spesso non sappiamo cosa sia meglio scegliere, perché il nostro cuore possa risollevarsi.
        Non ci sono ricette, non c’è una prassi di sicuro effetto da seguire.
        Credo che nella dimensione più profonda il dolore sia un mistero. Non condivido la posizione di chi pensa al male come ad una punizione, o come effetto di una casualità, o solo come prova da superare per una non meglio chiara felicità futura.
        Solo due cose ci possono aiutare quando il nostro cammino è così in salita da farci pensare di non farcela: la speranza è la prima.
        Sperare non è dire: “Chissà che domani succeda qualcosa, e che si possa dimenticare”… Non sarebbe possibile, né umano. Sperare è credere che il dolore, anche il più forte, abbia un senso, che magari non conosciamo, ma che c’è e ci aiuta a pensare che quanto accade non sia frutto del caso. Il dolore di chi cerca di avere questa consapevolezza non è meno intenso, le lacrime scorrono comunque sul viso; diversa è la fiducia che si pone nel domani, che ha un senso nonostante l’oggi.
        La seconda è l’amore. Troppo spesso ci ricordiamo tardi della preziosità delle persone, di quanto siano importanti, e il rimpianto di quanto avremmo voluto fare ci appesantisce il cuore. Chi ama davvero sa guardare alle difficoltà senza perdere di vista la gioia vissuta, è grato per averla sperimentata, non cede alla tentazione di credere che tutto sia al capolinea.
        Alle persone che soffrono non facciamo mancare la nostra presenza, ma non facciamoci prendere dalla voglia di usare troppe parole: se in noi saranno presenti speranza e amore, se ne accorgeranno; se rimarremo compagni di viaggio e non solo accompagnatori nel dolore, forse, in un momento che non sappiamo prevedere, la speranza rinascerà.

  4. Sono bellissime. Sei stata brava a cogliere i particolari. Ciao e buona serata.

    Rispondi
  5. ¡¡¡Hermosas Flores Pinuccia!!!
    Creo que se les dicen Campanillas!!!
    No se bien si es así, aquí hay muchas, pero yo no las tengo!!!
    Preciosas Fotos y la Burbujas son realmente originales!!!
    Un fuerte abrazo y muchos cariños amiga!!!
    Feliz Fin de Semana!!!

    Rispondi
  6. Hola******querida**Amiga Pinuccia ****

    bellas fotos********y flores de de multicolores**me fascinan**con las burbujas**

    muchos cariños**

    buenas noches***Buen fin de semana*****

    Rispondi
  7. Bonjour mon ami ou mon amie PINUCCIA

    Je n’ai aucune raison de courir

    La vie me donne le temps

    Soit dans le sens du vent ou à contre courant

    Mais je vais toujours devant moi

    Même si parfois je piétine ou je vais à reculons

    Mais je réussirais et traverserais ce pont de L’avenir

    Pour finalement arriver chez toi

    Je te souhaite une agréable journée

    Gros bisous d’amitié

    Bernard

    Rispondi
    • Merci cher ami de votre visite dan mon blog, qui me donne la joie, de lire vos belles paroles. Il est pas important quand vous arrivez ,la chose importante est votre présence et votre amitié. Je vous souhaite une bonne soirée,et un bon début de la semaine.
      Un gros bisous d’amitiè Pinuccia

      Rispondi
  8. Buona settimana Pinuccia ! 🙂

    Tante belle cose,
    Aliosa 🙂

    Rispondi
  9. Complimenti per le foto cara Pinuccia… bussi 🌻

    Rispondi
  10. Belle immagini della natura!
    Un grande abbraccio cara Pinuccia!
    Claudia

    Rispondi
  11. Magnifico
    Magnifiques photos Pinuccia
    Bisous

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: