Feed RSS

Archivi del mese: dicembre 2016

Buon Natale

 

gif-animata-auguri-buon-natale_1764

 

buon-natale

Auguro a tutti voi i miei auguri più belli, di un sereno e felice Natale. Siamo tutti angeli con un’ala. Pertanto, voglio abbracciarvi tutti per volare. Buon Natale! Mi assento per un po’ vi prego di non dimenticarmi. Grazie!

NEL TUO CUORE”

 

C’è un angelo splendente nell’immenso cielo blu,
è appoggiato ad una stella,
la più grande, la più bella!
C’è il calore di una fiamma
per un bimbo che fa la nanna.
Se tu alzi gli occhi al cielo
lo vedrai nel suo splendore,
se lo porti nel tuo cuore
sempre lui sarà con te

dal web

Preghiera

pioggia-di-rose.gif

Carissima Mamma Celeste

Carissima Mamma Celeste,
accoglici nella Tua casa
e fa’ che portiamo nelle nostre case
il profumo delle tue virtù.

Abbiamo bisogno di rifugiarci nelle Tue braccia
per ritrovare il coraggio della fede,
per sentire l’ardore del Tuo Amore.

Abbiamo bisogno delle tue carezze,
che possono sciogliere
la durezza del nostro cuore.
Possano le nostre labbra pronunciare
il Tuo dolce Nome: Mamma.

So che ascolterai le mie pene, le mie gioie,
le mie delusioni e le mie speranze.
Prendimi per mano e guidami
per le vie del mondo e portami alla fine
sul Cuore del Tuo dilettissimo Figlio.

Resta sempre nel mio cuore e nulla mi rattristerà.
Ti offro tutto me stesso.
Accetta questa offerta e rimani sempre con me.

Dal Web

Il sentiero

il-sentiero
IL SENTIERO

Una bambina viveva felice con il suo papà e la sua mamma. Ma per una meschina vendetta, alcuni uomini perfidi la rapirono.
Arrivarono un giorno nei loro grandi mantelli e, sulla strada che portava alla scuola, s’impadronirono della bambina.
Galoppando di gran carriera su cavalli neri si allontanarono ben presto dal villaggio e presero la strada della foresta. La buia e tenebrosa foresta che ingoiava per sempre gli incauti che vi si avventuravano senza guida.
Quegli uomini dal cuore di pietra portarono la bambina nel cuore della foresta.
Volevano che si perdesse per sempre nella foresta.
La bambina piangeva terrorizzata. E ripeteva, quasi gridava, la preghiera che la
mamma le aveva insegnato: «Ave Maria, piena di grazia…».
Giunsero dove la foresta era più intricata e impenetrabile. Là abbandonarono la
bambina.
La poverina si accucciò ai piedi di un grande albero, continuando a ripetere tra i
singhiozzi: «Ave Maria… Ave Maria…».
Improvvisamente, fra le lacrime, proprio ai suoi piedi scorse una rosa. Una rosa dai petali teneri come una carezza. Poco più avanti, ben visibile, tra l’erba e le foglie, c’era un’altra rosa, poi un’altra, un’altra ancora… formavano un sentiero che si snodava tra gli alberi.
La bambina cominciò a camminare da una rosa all’altra, prima esitante, poi quasi di corsa. Dopo un po’ arrivò al margine della foresta e si trovò nelle braccia della
mamma e del papà. Anche loro avevano visto il sentiero di rose ed erano partiti alla sua ricerca.
Perché anche la mamma e il papà avevano continuato a dire l’Ave Maria. E tutte
quelle Ave Maria, quelle dei genitori e quelle della figlia, erano diventate un sentiero di rose. Che li aveva riportati tutti insieme.

Anche le nostre Ave Maria formano il sentiero che ci aiuta a non perderci nelle foreste di questo mondo. E che ci riporta al sicuro nelle braccia del Padre dei Cieli.

dal web

Ogni essere ha un valore

tulipani.jpg
 Ogni essere ha un valore
S. Teresa di Lisieux
Gesù… mi ha messo innanzi agli occhi il libro della natura e ho capito che tutti i fiori creati da Lui sono belli, che lo splendore della rosa e il candore del giglio non tolgono nulla al profumo della piccola violetta o alla semplicità incantevole della margheritina…
Ho capito che se tutti i fiorellini volessero essere rose, la natura perderebbe il suo ornamento primaverile, i campi non sarebbero più smaltati di fioretti…
Così avviene nel mondo delle anime che è il giardino di Gesù.
Egli ha voluto creare grandi Santi che possono paragonarsi ai gigli e alle rose, ma ne ha creati anche di più piccoli, e questi devono contentarsi di essere pratoline o violette destinate a rallegrare lo sguardo del buon Dio quando Egli lo abbassa ai suoi piedi.
La perfezione consiste nel fare la sua volontà, e nell’essere ciò che Egli vuole che siamo…

fonte web

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: