Feed RSS

Archivi del mese: ottobre 2016

Preghiera per il terremoto

img_1367-e1472013770932

Terremoto centro Italia

In questi giorni di paura e sgomento, ci uniamo in preghiera con e per le popolazioni provate dal terremoto del centro Italia.

Padre,

noi crediamo in Te e nel tuo amore anche se la terra trema, e nostri cuori sono sconvolti dalla paura e dall’angoscia.
Resta con noi in questo tempo di fatica e di dolore.
Ci sentiamo smarriti, impotenti e tentati di cedere alla rassegnazione e al pessimismo.
Ridesta in noi la speranza e accresci la nostra fede davanti al mistero della vita e della morte.
Fa’ che le lacrime di coloro che hanno perso la casa e gli affetti più cari, si aprano all’abbandono fiducioso della tua provvidenza.
Dona loro la forza e il coraggio necessari per la ricostruzione.
Suscita in tutti noi, che assistiamo inermi alla forza distruttrice del terremoto in centro Italia, il desiderio di aiutare chi è nel bisogno.
Il tuo abbraccio di Padre raggiunga tutti i tuoi figli, che si sentono persi e scoraggiati.
Te lo chiediamo per Gesù Cristo tuo Figlio e nostro Signore.

Amen.

Preghiera alla Madonna del Terremoto — Alla ricerca della vita vera (anche con panoramica sugli spunti innovativi nel mondo cattolico) / In search of the true life / En busca de la verdadera vida / A la recherche de la vraie vie

14 m fa
O beatissima Regina del cielo e della terra,

che mentre stavi sotto la croce di Gesù, tuo Figlio,

e la spada del dolore ti trapassava l’anima per diventare la Madre di tutti i viventi,

hai sentito sotto i tuoi piedi tremare la terra,

soccorri i tuoi figli che gemono spaventati dal terremoto.

La facciata della chiesa di Santa Maria Assunta a Ussita

La terra rimbomba di un sordo boato, attorno a noi crollano il presente e il passato e le nostre anime smarrite si chiedono: che cos’è l’uomo, perchè Tu, o Signore, te ne ricordi?

Fatto a immagine e somiglianza di Dio e circondato di gloria, eppure ha divorato come un figlio dissoluto i doni del Padre, ha tradito l’Amore di Gesù, ha spento lo Spirito Santo, fino a meritare il castigo di Dio.

O Madre Santissima, piena di Grazia e di Misericordia, intercedi per noi presso tuo Figlio: prendi le nostre mani e guidaci a Lui, perchè converta i nostri cuori e perdoni i nostri peccati.

image-1

 

Storie di fantasmi

fantasmi

fantasmi
Questa finestra è del palazzo Ducale di Mantova

Una targa sul muro del palazzo indica l’epilogo della storia di Agnese Visconti, la sfortunata moglie di Francesco I Gonzaga, vittima di una triste storia di tradimenti,
Inganni e giochi di potere.
Lei era la figlia di Bernabò Visconti, signore di Milano, andata in sposa 14enne al coetaneo signore di Mantova per consolidare i rapporti politici tra le due famiglie più potenti del momento. Ma la fortuna gira presto le spalle alla giovane sposa: prima il figlio maschio che non arriva e in seguito l’uccisione del padre Bernabò da parte del cugino Gian Galeazzo che diventa così il nuovo signore di Milano.
Mentre Francesco Gonzaga cerca di salvare i nuovi equilibri politici tra le due famiglie, la povera Agnese pensa a come vendicare la morte del padre andando contro gli interessi del marito.
Non rimane che una drastica decisione: eliminare Agnese. Il pretesto è il presunto adulterio con il cavaliere Antonio da Scandiano: venne costruito un intero processo fasullo (per i più fanatici gli atti sono ancora conservati presso l’Archivio di Stato di Mantova).
La sentenza per i due “amanti” è la morte.
La mattina del 7 febbraio 1391 lui venne impiccato e lei decapitata e infine i due corpi vennero sepolti proprio dove oggi si trova la targa.
Si racconta che il fantasma di Agnese non riesca a trovare pace perché la poverina non è stata sepolta in terra consacrata. Narra la leggenda che Agnese si ripresenti di tanto in tanto sul luogo dove venne giustiziata … forse per piangere sulle ossa del suo amante?
Più persone possono testimoniare di aver sentito nella piazza il lamento di una donna; altri dichiarano di aver visto di notte, tra le finestre del Palazzo e del Castello, una sorta di luce spettrale salire e scendere tra le stanze.
Semplice suggestione? Un custode sbadato che ha dimenticato le luci accese?
Vi consiglio una passeggiata notturna fino in Piazza Sordello e se avete coraggio fermatevi proprio di fronte alla targa, magari anche voi sentirete il suo triste lamento.

Preghiera a Gesù

senza-titolo-1
GESÙ’
Alzatevi ogni mattina sereni
e ringraziate Dio di essere
ancora al mondo guardando
il Cielo con occhi luminosi
e ricordatevi che nella vita
ci sono giorni pieni di vento
e pieni di rabbia, ci sono
giorni pieni di pioggia
e pieni di dolore, ci sono
giorni pieni di lacrime
ma poi ci sono giorni pieni
d’amore che vi danno il coraggio
di andare avanti per tutti gli altri
giorni.

 Fonte
https://gpcentofanti.wordpress.com/2016/10/13/liturgia-del-giorno-audio-salmo-9897-14/

Santa Maria Faustina Kowalska Vergine

73200i

Glogowiec, Polonia, 25 agosto 1905 – Cracovia, Polonia, 5 ottobre 1938 qui potete leggere un pò di lei

Sorgente: Santa Maria Faustina Kowalska Vergine

Fonte: http://nsdellanevebolzaneto.wordpress.com/2016/10/05/santa-maria-faustina-kowalska-vergine-2/comment-page-1/#comment-608

la festa dei nonni

Oggi è la festa dei nonni! Faccio gli auguri a tutti i nonni,  che hanno il cuore ❤ grande e le braccia sempre aperte.  metto una poesia molto carina che ho trovato su Facebook

225496_10150233910435476_5975496_n

 

 di Roberto Piumini
C’è un nonno

C’è un nonno in disparte
che gioca alle carte,
le gioca da solo:
nessuno lo vuole.
C’è un nonno in giardino
che beve del vino,
lo beve da solo:
nessuno Io vuole.
C’è un nonno per strada
non so dove vada,
cammina da solo:
nessuno lo vuole.
C’è un nonno che dorme
speriamo che in sogno
qualcuno ci sia
in sua compagnia.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: