Feed RSS

Mio padre mi ha lasciata

per-mio-padreCari amici mi affaccio solo per un momento. Scusatemi ultimamente se non rispondo ai vostri commenti, ma come vi dicevo sono lontana da casa.
Vorrei rendervi partecipi del mio grande dolore!
Non sono molto brava a scrivere e a maggior ragione in questo triste momento, non so proprio come esprimere a parole quello che provo.
Venerdi 21 novembre scorso, ho subìto la perdita di mio padre e solo ieri c’è stato il suo funerale.
Credo abbia portato via con sè un pezzetto del mio cuore. Spero solo di essere stata una figlia amorevole per lui.
In questo ultimo periodo sono stata giorno e notte con lui in ospedale al suo capezzale, facendo a turno con i miei fratelli. Ho solo un rimorso; volevo essere io a raccogliere il suo ultimo respiro, e a stringergli la mano, invece insistette per restare con lui mio fratello, arrivato da Genova proprio quel giorno.
Non avrei dovuto ascoltare mio fratello quando mi disse: Sei molto stanca, questa notte ci sto io con papà, tu vai da mamma perchè anche lei ha bisogno di qualcuno vicino in questo momento”.
Era ormai da parecchie notti che in ospedale non riuscivo a prendere sonno, mi appisolavo un attimo, ma vi risvegliavo sempre di soprassalto. Avevo sempre paura di non sentire mio padre se si fosse lamentato e avesse avuto bisogno di qualcosa. La notte a casa ho fatto un sogno “Stavo recitando delle preghiere a bassa voce quando improvvi­samente udii me stessa dire a voce alta: ‘Dio ti benedica, papà, ora sei nelle mani del Signore’.
Proprio allora, lo vidi. Sapevo che aveva esalato il suo ul­timo respiro ed era in pace. Poi, per pochi secondi, vidi una foschia gialla sopra di lui e degli Angeli che lo trasportavano verso l’alto.
Nel sogno mi appariva sfocata una scalina­ta. Balzai dal letto scesi giù in cucina mi venne in mente di mandare un sms a mio fratello. Erano le ore 3,20. Mi rispose subito dopo dicendomi: “Papà ci ha lasciato”.
Non so per quale motivo vi ho raccontato questo, in parte per uno sfogo, in parte perchè al giorno d’oggi spesso i sentimenti è bene non siano manifesti, come fosse qualcosa di scandaloso o di cui provare vergogna.
Non riferendomi al mio caso in particolare, aggiungo una considerazione, e cioè che raramente, davanti a qualcuno che esprime un dolore gli si consente di raccontarlo, anche se spesso si crede il contrario.
Spesso alla fredda parolina “Condoglianze”, si associano frasi preconfezionate come “Sii forte”, “Adesso devi reagire”, “La persona che non c’è più non vorrebbe vederti piangere” e così via, senza dare la possibilità quindi alla persona che soffre di elaborare il proprio lutto e condividerlo.
Detto ciò, nonostante la grande sofferenza, so che papà ora sta bene e riposa in pace.
Grazie a tutti di avermi ascoltata!
Appena sarà possibile, mi farò sentire con qualcosa di più ameno.
Pinuccia

Annunci

Informazioni su Pinuccia Dattoli

Sono una donna di sessantacinque anni, mi piace il computer ci passo il mio tempo libero. Condivido con gli amici, le mie foto, le mie gif animate i miei viaggi in camper, le poesie e le preghiere che trovo su internet. Accetto commenti solo da siti seri!

»

  1. ❤ ti sono vicina Pinuccia cara

    Rispondi
  2. oh pinuccia… ♥ non ci sono parole ora x te che possano alleviare la sofferenza che provi. ma la fede sarà un prezioso sostegno per andare avanti cosi come la consapevolezza che hai iniziato ora la sua vita eterna tra le braccia di Gesù… ♥

    Rispondi
  3. Einen schönen Dienstag auch für dich so ein schönes Bild und Text,wunderschön gemacht wünsche dir noch einen glücklichen Tag Grüße und Freundschaft Gislinde

    Rispondi

  4. Wünsche dir einen schönen ersten Advent lieber Grüße und Freundschaft.Gislinde

    Rispondi
  5. Danke wünsche auch eine gute Woche liebe Grüße von mir und Freundschaft.Gislinde

    Rispondi
  6. I NOSTRI VECCHI

    di Fausto Corsetti

    Davanti alla morte di tutti e due i genitori, ci si sente come se le radici della vecchia quercia venissero recise. E allora ci si guarda in giro e si prova una sorpresa strana: è come se si avesse la conferma definitiva che si può restare in piedi anche senza le radici. Noi che non siamo dei “clonati,” ma tutti originali, sentiamo però che i nostri genitori portano via nella morte qualcosa che faceva parte di noi, del nostro corpo ed è come se qualcosa di noi venisse sepolta con loro, e tuttavia noi continuiamo a vivere senza quelle radici, essendo diventati a nostra volta radici, in attesa di essere recise.
    La trasmissione della vita, questa catena meravigliosa che dura da decine e decine di milioni di anni e che andrà avanti chissà fino a quando, non è interrotta dalla morte, anche se qualcuno dei suoi anelli non genera altri anelli. E’ una catena così ricca da sopportare sterilità fisiche naturali, volute per il Cielo o per altre ragioni. E’ la catena della specie che non può interrompersi e garantisce la continuità. Eppure la morte appare come un attentato a questa continuità. Forse è per questo che la natura ci spinge a considerarla nemica. E io credo che, in effetti, sia difficilissimo, forse impossibile accettare la morte per un motivo qualsiasi che venga dalla ragione.
    Umanamente parlando la morte è l’interruzione di un progetto che è stato concepito senza limiti; è la rottura di rapporti nati per durare all’infinito, perché fondati sulla carne e sul sangue, ma anche sul pensiero e sull’amore o sul suo contrario. E’ solo la rivelazione pasquale che consente di superare le grandi svolte della vita, le svolte che produce la morte dei genitori – o dei figli, che sembra ancora più assurda – o delle persone più care. Una morte provoca sempre sconquasso nella vita di alcune persone. Ma la rivelazione pasquale realizza un paradosso mai immaginabile da mezzi umani. La Pasqua è la rivelazione della vita mediante la morte. E’ il Signore della Vita che ce ne spiega il mistero accettando di morire e di seguire quel comune, inaccettabile percorso che conduce fino alla sepoltura. E’ come se il Signore avesse lasciato vincere la morte fino alla soglia della corruzione, per poi fermarla e dire a noi: la nemica è vinta, guardate, perché io l’ho vinta anche per voi. E noi, che eravamo già stremati su quella soglia della corruzione, come quando vediamo apparire i segni della disfatta sul corpo dei nostri cari, appena la morte li ha presi, noi abbiamo ricominciato a sperare. Sì, è così miei cari: il Signore della Vita ci spiega la vita con la morte.
    E tutto questo non impedisce però di piombare nel dolore, perché la morte rimane quella che è: l’interruzione di un progetto, la soluzione apparente della comunicazione amorosa, parentale, amicale. Ma è solo apparenza. Ecco un altro capitolo della lezione pasquale del Signore della Vita. E’ interruzione solo apparente, perché il progetto continua, perché la vita continua e perché la comunione tra noi e i nostri cari non conosce interruzione.
    E’ così: le radici non sono recise, la comunicazione non viene interrotta. E’ solo tutto cambiato: è la vita che viene mutata, ma non annullata. Perché il Signore della Vita è Risorto.

    Rispondi
    • La Morte non è certo una cosa piacevole, Spaventa tutti, non ho mai sentito nessuno dire che è bello morire. Se ci pensiamo bene la morte è la cosa più giusta che ci sia, non fa distinzione tra il ricco e il povero tutti prima o poi si deve morire è una ruota, prima o poi tocca a tutti. La morte di un nostro genitore, come quella di un parente o di un nostro amico, ci tocca moltissimo è una sofferenza indescrivibile, proprio come dici tu, ed è come se un pezzetto di noi stessi, andasse via con loro. Mio Padre, mi ha aiutato moltissimo, nel momento della sua morte, non sono stata io a fare coraggio a lui, che stava per morire, ma era lui a preparare me a questo evento. Era completamente convertito ha aspettato la sua morte con una serenità incredibile, ricordo che ringraziava il Signore per quanto aveva ricevuto nella vita, lui pregava in continuazione a pregato fino alla fine nonostante le sofferenze. Non ti conosco caro Fausto, così d’istinto, dovresti essere un uomo abbastanza giovane. Perché tiri in ballo la morte! Io non ci penso… quasi mai. La morte non mi fa paura, è la sofferenza che mi spaventa, è il non essere capaci di badare a me stessa, all’aver bisogno degli altri. Questo mi fa paura. Mi viene spesso di pensare alla morte come ad un passaggio, ad una trasformazione. Hai presente il bruco, che si crea un bozzolo, ed alla fine si trasforma in una bella farfalla. Io penso alla morte così, ad una vita più bella, senza sofferenza e piena di amore. Il Signore della vita che ha vinto la morte, ce lo ha dimostrato con la sua resurrezione. Questo è meraviglioso infatti la vita si trasforma nella vita vera, alla quale ci stiamo preparando.
      Ti ringrazio tantissimo del commento e della visita al mio blog.
      Un abbraccio Caro fausto e buona serata. 🙂

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: